La potatura dell’olivo

La potatura dell’olivo è una delle pratiche colturali maggiormente attuate dagli agricoltori per aumentare la produzione dei frutti. L’olivo è una pianta arborea coltivabile originaria delle zone mediorientali e ormai diffusa in diverse aree d’Europa, tra cui Italia, Francia e Spagna, anche se la produzione italiana supera nettamente quella francese e spagnola. A fini produttivi si coltivano circa 500 varietà di olivo da cui si ricavano frutti neri o verdi, ovvero le olive usate in alimentazione e per estrarre l’olio, la cui purezza dà origine a oli molto pregiati e certificati tra cui l’olio extravergine di oliva. Certi risultati produttivi non si potrebbero ottenere senza adeguati procedimenti di potatura che vanno effettuati in determinati periodi dell’anno e secondo le caratteristiche della pianta coltivata. La potatura dell’olivo, oltre ad accrescere la produzione, cerca anche di migliorare la forma dell’albero omonimo che naturalmente tende a crescere in maniera eccessiva e disordinata con una chioma che scende verso il basso e verso l’esterno diventando simile a un cespuglio. Questa irregolarità sottrae anche la luce ai rami più produttivi danneggiandone la resa in termine di fruttificazione.

olivo

Cosa Tagliare: L’olivo, generalmente, si pota tagliando rami improduttivi, vecchi o inutili o le branche di quelli produttivi in modo da favorire l’emissione di nuovi germogli e rinnovare la fioritura e la fruttificazione dei rami fertili. I rami improduttivi sono quelli che tendono ad allungarsi. Dalla pianta vanno rimossi anche i polloni e i succhioni, rami molto robusti che sottraggono energia alla pianta. I polloni sono rami che hanno origine dalle radici. I succhioni, invece, sono rami che si sviluppano dal tronco. Questi rami, per la capacità di assorbire la gran parte delle sostanze nutritive del terreno, possono essere completamente eliminati. I tagli, nella potatura dell’olivo, vanno eseguiti individuando prima le zone da tagliare e poi procedendo a effettuare i tagli più grandi. L’andamento dei tagli deve essere dall’alto verso il basso.

Come Tagliare: I tagli della potatura dell’olivo vanno effettuati in maniera netta, decisa e senza esitazioni. Tagli errati possono, infatti, indebolire l’albero compromettendone l’accrescimento e la fruttificazione o rendendolo suscettibile ad attacchi di parassiti o agenti infettivi. Il taglio corretto deve presentare una superficie regolare, liscia e inclinata, in modo da far scorrere l’acqua piovana ed evitare l’accumulo di umidità e la conseguente marcescenza del legno. Tagli asimmetrici ed irregolari, oltre a procurare e conseguenze che abbiamo appena indicato, causano anche una difficoltà di cicatrizzazione delle ferite che rendono l’albero esposto alla penetrazione di funghi, insetti parassiti e portatori di malattie. I tagli vanno effettuati tramite gli appositi attrezzi di potatura, tra cui spiccano le forbici, le cesoie, sia manuali che automatiche, la motosega, il coltello, la roncola e il segaccio. Le lame degli attrezzi devono essere ben affilate e vanno mantenute pulite e costantemente igienizzate al termine delle operazioni di taglio. Per disinfettarle basta usare un po’ di alcool. Le ferite più piccole provocate dai tagli non necessitano di particolari trattamenti, mentre per quelle più grandi è opportuno applicare dei prodotti a base di rame o sostanze cicatrizzanti e protettive in forma di composti cremosi. Le ferite più grosse, se lasciate senza protezioni, favoriscono, infatti, lo sviluppo di malattie parassitarie tipiche dell’olivo, come la rogna. Quando

Quando Tagliare: La potatura dell’olivo si effettua dopo il periodo invernale. Se la primavera si presenta particolarmente fredda o si corre il rischio di un eccessivo abbassamento delle temperature è meglio rinviare le operazioni a quando il clima sarà diventato più stabile e mite, perché il freddo impedisce alle ferite del legno di cicatrizzarsi. L’eventuale comparsa di rami improduttivi o secchi può essere trattata con tagli da effettuare in qualsiasi momento. In genere la potatura dell’olivo si esegue ogni anno, per piante giovani si può effettuare anche ogni due anni. In ogni caso, risulta sempre di fondamentale importanza quando di decide di effettuare la potatura della pianta, considerare l’andamento delle stagioni, della temperatura e del clima per evitare la debilitazione della pianta.

Con cosa Tagliare? Per ottenere una potatura perfetta si possono usare diversi attrezzi, dai seghetti manuali alle forbici da potatura a batteria come Olivion e Prunion Pellenc!